runners

Pillole Hr di Aidp Giovani: Benessere Organizzativo? ecco 3 consigli a cui ispirarsi

di Romina Zanetel

Romina ZanetelIl concetto di benessere negli ultimi anni è stato molto trattato, tanto che ha attirato la mia curiosità. L’etimologia della parola indica lo “stare bene” o “esistere bene” da ben – essere e riguarda tutte le sfere della vita di una persona.

Se parliamo di benessere, parliamo di salute che viene così definita dall’OMS:

Con l’espressione salute mentale, secondo la definizione dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), si fa riferimento ad uno stato di benessere emotivo e psicologico nel quale l’individuo è in grado di sfruttare le sue capacità cognitive o emozionali, esercitare la propria funzione all’interno della società, rispondere alle esigenze quotidiane della vita di ogni giorno, stabilire relazioni soddisfacenti e mature con gli altri, partecipare costruttivamente ai mutamenti dell’ambiente, adattarsi alle condizioni esterne e ai conflitti interni.”

E’ facile capire che il concetto di benessere è una nozione in costante evoluzione; del resto lo stesso Maslow nella sua piramide (1954) aveva detto che con il passare del tempo la realizzazione dei bisogni fondamentali e di alcuni desideri considerati un tempo difficilmente raggiungibili porta alla nascita di altri bisogni e desideri.

Qualche mese fa ho avuto il piacere di partecipare ad un convegno proprio sull’applicazione del concetto di benessere al mondo organizzativo, in cui diversi professionisti hanno portato la loro esperienza. Mi sono portata a casa alcuni take away che spesso vado a rileggere perché fonte di ispirazione e motivazione.

– Il benessere è un concetto estremamente soggettivo, quindi è importante un’integrazione. Non esiste un benessere collettivo immediato, ma è necessaria l’integrazione tra più attori e questo richiede del tempo e pazienza. Il benessere organizzativo è un qualcosa che non possiamo pretendere per il giorno “x”, ma è un processo continuo basato sul contributo di tutti e sulla fiducia. (Afsoon Neginy, Direttrice generale, Gruppo Revlon Italia)

– Benessere significa coinvolgimento e valorizzazione delle differenze; facilitare un cambiamento nella cultura organizzativa attraverso il coinvolgimento diretto delle risorse per migliorare la qualità del servizio. Se una risorsa si sente ascoltata è più ingaggiata e la sua performance migliora giornalmente. (Maria Grazia Bonzagni, Capo area Risorse Umane, comune di Bologna)

– Per generare benessere è importante trasferire senso e desiderio di eseguire le proprie attività con efficienza ed efficacia, costruendo competenze per lavorare in un luogo sicuro e rispettoso della persona, rinforzando comunicazione e clima. (Carlo Paganessi, Head of HR, Datwyler Pharma Packaging Italy)

Credo che una definizione di benessere organizzativo valida a 360° non esista perché è un qualcosa che va costruito da tutti i componenti dell’azienda, dai capi agli operativi, con l’obiettivo di creare “un’azienda perfetta” dove persone supportate nella crescita fanno crescere l’azienda anche da un punto di vista produttivo. L’impegno è quindi da entrambe le parti della scrivania, la prima dovrebbe abbandonare un’idea tayloristica ed imparare ad ascoltare e valorizzare, la seconda dovrebbe metterci del suo e tendere agli obiettivi senza farsi influenzare.

Romina Zanetel

Romina è una persona dinamica e curiosa, a cui piace apprendere sempre cose nuove e soprattutto migliorarsi quotidianamente. Nasce come psicologa particolarmente attenta all’altro e alle sue potenzialità, ma estremamente pragmatica e abituata a lavorare per obiettivi. Ama le sfide e crede nell’importanza e forza del team work. Da 5 anni lavora in ambito HR occupandosi principalmente dell’area soft, selezione, formazione e benessere organizzativo.

Pillole Hr Aidp Giovani – Un’idea di Giuseppe Luongo

Le Pillole di HR sono una rubrica a cura di Aidp Giovani – referente nazionale Giuseppe Luongo . Per ulteriori info, http://www.aidp.it/giovani/

Vito Verrastro
Vito Verrastro
Giornalista, comunicatore, knowledge worker, ideatore di Lavoradio, job evangelist
  • Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    I NOSTRI PARTNER