valeria ulloa

Pillole Aidp Giovani: Lavoro, professione e giovani, 5 consigli utili per chi cerca la motivazione giusta per far carriera

Una domenica di inizio autunno navigavo in rete con il mio Ipad in cerca di notizie sull’ultimo decreto del Jobs Act, quando per caso o forse per fortuna mi capita di imbattermi in un articolo di Business Insider.co.uk. Il titolo per niente fuorviante, menzionava 25 consigli di personaggi illustri, belli e famosi che a valle delle loro esperienze, dispensavano qualche suggerimento ai giovani sulla carriera. Inutile negare quanto l’articolo mi abbia ispirato a affascinato al punto da decidere di scriverci una pillola! Per ovviare ai problemi di lunghezza, ho optato per una selezione dei consigli che mi hanno lasciato il segno e mi torneranno alla mente ogni qual volta avrò bisogno di ispirazione e motivazione.

Partiamo dal primo: Richard Branson, fondatore e presidente del Gruppo Virgin ci insegna “Non guardare al passato con rimpianto – pensa alla prossima azione.” Branson non riesce a capacitarsi di come le persone possano sprecare così tanto tempo a riflettere sui loro fallimenti, e restano lì impavidi a chiedersi “cosa è andato storto, cosa ho sbagliato”? Il fondatore della Virgin ci consiglia di investire le nostre energie in un progetto nuovo. Conclude così: “Mi diverto a seguire tutti i processi di business del gruppo – così una battuta d’arresto non è mai una brutta esperienza, solo una curva di apprendimento”.

L’indimenticabile leader della Apple, Steve Job consiglia “non limitarti a seguire solo le tue passioni ma supera te stesso in qualcosa”. Sì, stiamo sempre parlando di seguire le nostre passioni, ma siamo tutti parte del flusso della storia …bisogna metterci qualcosa di nuovo per aiutare la comunità e altre persone in modo che 20, 30, 40 anni da oggi, la gente dirà che oltre ad avere una passione ci teniamo a realizzare cose di cui gli altri possono beneficiare. Il terzo consiglio degno di nota è quello di Bill Gates, fondatore e CEO della Microsoft “Mantieni la semplicità delle cose”. Contrariamente da ciò che si potrebbe immaginare, i collaboratori di Bill Gates, giurano che il suo calendario sia abbastanza semplice e lineare. Qualora si voglia discutere di un caso di business con lui, lo chairman di Microsoft decide di investire solo se non intravede complicazioni. Sceglie le cose che hanno alla base un modello che sia prevedibile e duraturo. La sua idea di ridurre le cose alla loro essenza, lavorando sulle cose che contano davvero, è così sorprendente da assumere che si tratti di una forma di genio.

Il quarto suggerimento che vi propongo è quello di Diane von Furstenberg, la quale ci dice: “mantienilo vero – keep it real”. In una recente intervista con Adam Bryant del The New York Times, la stilista Diane von Furstenberg dice di aver imparato che la fiducia in sè stessi è la chiave del successo. “Alla base della fiducia in se stessi c’è la voglia di creare una relazione con il proprio io“, sostiene la stilista. Per raggiungere questo obiettivo è importante essere “severi con se stessi e per nulla accomodanti.” Cynthia Tidwell: “Sii abbastanza paziente da imparare ma impaziente nel correre i rischi” L’ amministratore delegato della compagnia assicuratrice Royal Neighbors of America, incoraggia i giovani a correre i rischi. E poi aggiunge: “Qual è la cosa peggiore che può accadere? Che torni indietro e fare quello che stavi facendo prima.”

Infine abbiamo Brian Chesky, CEO of Airbnb abbastanza controcorrente si rivolge ai giovani dicendo “Non ascoltate ciò che dicono i vostri genitori”. Sono senza dubbio le relazioni più importanti della nostra vita, ma secondo il boss di Airbnb i giovani non dovrebbero chiedere consigli sulla carriera ai loro genitori. “Qualsiasi scelta voi facciate, ipotizziamo che vi porti al fallimento. In questo modo, non state prendendo una decisione basata sul successo, sui soldi o sulla carriera. Qualsiasi decisione prenderete, sarà basata su ciò amate fare”.

A questo punto mi rivolgo a voi lettori: cosa pensate dei consigli di questi sei personaggi dal successo incontestabile e globale? A me fanno pensare al fatto che non bisogna mai perdere quella tenacia e determinazione che ci consente di arrivare lontano. Dobbiamo credere nel nostro futuro perché se non ci crediamo noi, nessuno lo farà al posto nostro.

Di Valeria Ulloa

Pugliese di origine, Milanese di adozione. Dopo una laurea in management delle risorse umane, conseguita in UK e un master in HR, svolge da tre anni il ruolo di HR Specialist. Appassionata di social media & innovazioni digitali, ama scoprire tutte le sfaccettature del binomio gamification & HR. Trova nelle relazioni con le persone la fonte di nuovi stimoli culturali e personali

Giuseppe Luongo

Le Pillole di HR sono una rubrica a cura di Aidp Giovani – referente nazionale Giuseppe Luongo . Per ulteriori info, http://www.aidp.it/giovani/

Vito Verrastro
Vito Verrastro
Giornalista, comunicatore, knowledge worker, ideatore di Lavoradio, job evangelist
  • Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

    I NOSTRI PARTNER